Le News di Ufficio Postale


Come non pagare il canone RAI?

Come non pagare il canone RAI?

Come cambierà l'abbonamento RAI nel 2016?

Con la legge di stabilità approvata dal Senato lo scorso 22 dicembre sono state apportate alcune importanti modifiche alle modalità di pagamento e all’importo del canone RAI per l’anno 2016.
 

Quanto e quando si deve pagare il canone Rai?

Dal 2016 il canone annuo ordinario passerà da 113,5€ a 100€ e sarà addebitato direttamente nella fattura della bolletta dell'energia elettrica con voce distinta.
Solo per il 2016 il primo addebito del canone sarà effettuato con la prima fattura dal 1° luglio 2016 e sarà pari a 70€, i restanti 30€ saranno ripartiti nelle bollette successive a partire da agosto.
Dal 2017, e per gli anni succesivi, invece il costo dell'abbonamento sarà sempre inserito nella fattura della bolletta dell'energia elettrica ma ripartito in 10 rate mensili da 10€.
In caso l'utente riceva fatture della bolletta elettrica in maniera bimestrale o trimestrale, verranno addebitati nella bolletta elettronica le rate del canone pari al numero di mesi della bolletta: due rate per la bolletta bimestrale, tre rate per la bolletta trimestrale.
 

 

Chi deve pagare il canone RAI?


Dal 1° gennaio il canone RAI ordinario deve essere pagato da chiunque possegga "uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radiotelevisive indipendentemente dalla qualità o dalla quantità del relativo utilizzo" e rispetto al passato  "la detenzione di un apparecchio si presume nei confronti dei titolari di utenza di fornitura elettrica ad uso domestico residente", quindi chiunque abbia una bolletta dell'elettricità dovrebbe pagare anche il canone.
 

Chi non deve pagare il Canone Rai in bolletta?


I seguenti soggetti sono esentati dal pagamento dell'abbonamento Rai in bolletta elettrica:

 

  • Gli agenti diplomatici, i funzionari e gli impiegati consolari, i funzionari di organizzazioni internazionali
  • Militari di cittadinanza non italiani o personale non residente in Italia di cittadinanza non italiana appartenenti alle forze NATO di stanzia in Italia
  •  Contribuenti con utenza elettrica per uso domestico residenziale, cioè seconda casa, possono dichiarare che in nessuna delle abitazioni dove è attivata l’utenza elettrica a loro intestata è presente un apparecchio tv o di aver pagato il Canone nella bolletta dell'energia elettrica della prima casa. Infatti il canone "è dovuto una sola volta per tutti gli apparecchi detenuti nei luoghi adibiti a propria residenza o dimora dallo stesso soggetto e dai soggetti appartenenti alla stessa famiglia anagrafica".
  • I cittadini di età pari o superiore a 75 anni con un reddito annuale inferiore a 6,713€

Chi non ha la tv, ma solo il PC dovrà pagare il canone?

No, perché solo apparecchi atti o adattabili a ricevere il segnale audio/video attraverso la piattaforma terrestre e/o satellitare sono assoggettabili a canone TV, coloro che hanno un PC che consente l’ascolto e/o la visione dei programmi radiotelevisivi via Internet e non attraverso la ricezione del segnale digitale terrestre o satellitare non è soggetto al pagamento del canone. Se invece si è in possesso di una tv, anche se si usa eslusivamente come schermo del PC e non per vedere programmi televisivi, si è soggetti al pagamento del canone.

Come non pagare il Canone RAI?

I soggetti precedentemente elencati esenti dal pagamento dell'abbonamento Rai dovranno inviare una dichiarazione sostitutiva di sussistenza dei presupposti di esenzione ogni anno all'Agenzia delle Entrate. Per il 2016 la dichiarazione sostitutiva di non detenzione va presentata a mezzo del servizio postale tramite plico raccomandato senza busta entro il 16 Maggio 2016 per avere effetto per l’intero canone dovuto per l’anno 2016.

La dichiarazione sostitutiva presentata a mezzo del servizio postale dal 17 Maggio 2016 ed entro il 30 Giugno 2016 ha effetto per il canone dovuto per il semestre luglio-dicembre 2016.

La dichiarazione sostitutiva presentata dal 1° luglio 2016 ed entro il 31 gennaio 2017 ha effetto per l’intero canone dovuto per l’anno 2017.

La dichiarazione deve essere spedita a mezzo del servizio postale in plico raccomandato senza busta al seguente indirizzo:

Agenzia delle entrate  

Ufficio Torino 1  

Sportello abbonamenti TV

Casella postale 22

10121 Torino.

Vuoi Inviare la tua comunicazione di disdetta Rai?

Scarica il modulo, compila e invia una raccomandata con il servizio Ufficio Postale. Ricordati di allegare insieme alla dichiarazione sostitutiva un documento di identità.

In allegato è disponibile sia la dichiarazione sostitutiva  

Allegati:

Come non pagare il canone RAI?

Pagamenti Sicuri

Pagamenti Sicuri
Registrati e Risparmia

I nostri costi

Prodotto Standard Con Plafond
Telegramma 6,63 € 5,66 €
Raccomandata 6,89 € 5,87 €
Posta Prioritaria 3,94 € 3,36 €
Posta Ordinaria 1,82 € 1,55 €
Pubblicità in busta 1,82 € 1,55 €

Disponibile su Google Play

Dicono di noi